Dalla II A: consigli di lettura in quarantena

Gli alunni della II A consigliano agli utenti de "Lo Scricciolo" alcune letture

Data:

venerdì, 03 aprile 2020

Argomenti
Notizia
Libri Primavera.jpg

Cosa leggere, quando si è costretti alla reclusione?

AUTORE: Silvia Schiavo.

TITOLO: “Cessetto”.

CITTÀ DI PUBBLICAZIONE: Milano.

CASA EDITRICE: Rizzoli.

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2008.

GENERE LETTERARIO: libro per ragazzi.

Il libro racconta di una ragazza di nome Sonia che ha quattordici anni e dell’amore non capisce nulla; ha un motorino scassato e vecchio chiamato “Cessetto” che considera come un amico, ma anche un'amica in carne ed ossa, di nome Andrea.

Quando inizia le scuole superiori la sua vita cambia perché si tuffa in una nuova avventura: diventa più grande, scopre nuove cose tra imbarazzo, confronti, scontri e curiosità. Anche il rapporto con la mamma cambia perché vuole diventare più autonoma.

Inizia addirittura a frequentare il ragazzo più bello della scuola chiamato da tutti “il Marra” e allora dell’amore ci capirà ancora meno.

Il racconto è scritto in prima persona, utilizza un linguaggio collocato al tempo imperfetto e si avvicina molto a quello che utilizziamo noi ragazzi in momenti di svago o quando ci riuniamo in gruppo.

Il testo mi ricorda due libri che ho letto intitolati “Se è con te sempre” e “Dimmi che ci credi anche tu” di Eleonora Gaggero. Questi due libri sono uno il proseguimento dell’altro e raccontano di una ragazza adolescente che inizia una nuova scuola dove poi inizierà a frequentare il ragazzo più bello di essa.

In questo libro mi sono riconosciuta perché anch’io, come Sonia, sto vivendo questa fase di adolescenza e alcuni sentimenti che prova lei, li sto provando anch’io: l’essere insicura di me stessa, il non sentirmi carina e i continui conflitti con mia mamma.

Come lei ha Cessetto che le permette di superare questi momenti strani, io ho il mio telefono distrutto, vecchio e malandato che mi aiuta a staccare dalla vita di tutti i giorni, a non pensare a questi sentimenti di insicurezze e con lui mi sento libera di fare, pensare, scrivere pensieri e sfogarmi…

M. Manfredi

 

TITOLO: "Io non ho paura"

AUTORE: Niccolò Ammaniti

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2001

CASA EDITRICE: Einaudi Scuola

Io non ho paura è un libro scritto da Niccolò Ammaniti, ambientato nel 1978 a Acqua Traverse, una piccola borgata di Lucignano, in Puglia. Narra la storia di Michele Amitrano, un ragazzino di nove anni, appartenente ad una famiglia povera, che trascorre l’estate in compagnia di un gruppetto di amici.

Durante una giornata molto calda, i ragazzi si allontanano dalle loro case in bicicletta e decidono di fare le solite scommesse. Così Michele, nel tentativo di togliere dai guai una sua compagna, si ritrova a dover attraversare un casale vecchio e decadente. Ma il ragazzo non sa cosa lo attende.

Da questo romanzo è stato tratto un film, uscito nelle sale cinematografiche 14 marzo 2003, due anni dopo la pubblicazione del libro, in cui i personaggi principali, Michele e Filippo, sono stati interpretati da Giuseppe Cristiano e Mattia Di Pierra.

La trama è alquanto drammatica, ma Il film e il libro hanno avuto comunque successo.

Il testo è molto suggestivo: sarebbe quindi difficile trovare una persona tanto insensibile da non provare alcuna emozione nei confronti di questa storia articolata e animata da una forte amicizia, nata per puro caso.

A. Cavarero

 

                                    TITOLO:  "Il  Mago di Oz"                                         

AUTORE: Lyman Frank Baum

CASA EDITRICE: George M. Hill Company 

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 17 maggio 1900

Questo libro è di genere fantasy. Racconta della vita di una ragazzina in un mondo fantastico, pieno di amici, streghe buone e cattive e di tante avventure.  

Già dalla primissima riga si conoscono alcuni personaggi: Doroty, la protagonista, una ragazzina molto allegra e vivace, lo zio Henry e la zia Em, Toto il cane.

Tutti insieme abitano in una casa molto piccola, nel Kansas, fino a quando arriva un ciclone che si abbatte contro la loro abitazione e porta via la piccola Doroty con il suo cane.

Ed è da questo momento che il viaggio della ragazza  ha inizio.

I personaggi che incontrerà sono i Pilucconi, la Strega Buona del Nord, lo Spaventapasseri, l’Uomo di Latta, il Leone Fifone, il Mago di Oz, la Regina dei Topi e la Regina del Paese di Porcellana. 

Il titolo mi fa venire in mente una storia fantastica che non si può paragonare al mondo reale.

Il Mago di Oz ha diversi misteri e fantasie che si devono svelare: un esempio è l’Uomo di Latta.

Come fa a camminare se è di latta? Oppure perché il ciclone è un portale magico tra un mondo e l’altro?

Ci sono, però, un mucchio di domande che ci potremmo fare andando avanti a leggere il libro.

Se dovessi dare un voto a questo libro, questo sarebbe un 9, perché è scritto in modo semplice ma avvincente, coinvolge nelle avventure che i personaggi si trovano a vivere e mette in risalto quanto sia necessaria l’amicizia per divertirsi ma anche per superare le prove che la vita ci mette davanti.

La scena che mi ha colpito maggiormente è stato il viaggio della ragazzina verso la città di Smeraldo, perché è in quella scena che Doroty incontra lo Spaventapasseri, l’Uomo di Latta e il Leone Fifone.

Questo libro lo consiglierei a tutte le persone che hanno voglia di volare con la loro fantasia in un magico mondo pieno di colpi di scena.

E. Sappa

Questo sito utilizza cookie tecnici per erogare i propri servizi e analizzare il traffico.

Altri dettagli